Completato il restauro dell’Edicola del Santo Sepolcro a Gerusalemme

edicola-santo-sepolcro-gerusalemme_prima

Dopo circa un anno di interventi di restauro è possibile visitare l’edicola che custodisce la Tomba di Cristo all’interno del santo Sepolcro nella città vecchia di Gerusalemme. Il restauro è stato portato a termine da un team tecnico dell’Università di Atene che ha lavorato sulle pietre dell’edicola. E’ in corso una nuova ricerca di fondi per dare il via ad una seconda fase di restauro. Leggi l’articolo

Father and Son. Il videogioco prodotto e distribuito dal Museo Archeologico Nazionale di Napoli

MANN_prima

È iniziato il conto alla rovescia: il MANN, uno dei più importanti siti d’arte al mondo, con le sue straordinarie collezioni provenienti da Pompei ed Ercolano, con la collezione Farnese e quella Egizia, è il primo museo archeologico a produrre un videogame destinato al pubblico internazionale di tutte le età. “Father and Son“, videogioco realizzato in inglese e italiano, sarà rilasciato gratuitamente e senza contenuti pubblicitari a marzo 2017 su Apple Store e Google Play. Il Museo Archeologico Nazionale di Napoli avrà un ruolo cruciale nella storia del gioco, con le sue celebri opere e l’architettura dei suoi luoghi, divenendo fulcro di piccole e grandi storie attraverso il tempo. Tre chilometri di strade napoletane sono state disegnate a mano per la realizzazione del videogioco. Dieci i personaggi che si potranno incontrare.

Leggi l’articolo

Agri-gentium: landscape regeneration. Il progetto della Valle dei Templi vince il Premio Paesaggio Italiano

agri-gentium_prima

“Agri-gentium: landscape regeneration” è il progetto promosso dal Parco archeologico della Valle dei Templi, in partnership con il FAI, che ha vinto la prima edizione del Premio Paesaggio Italiano, istituito nell’ambito della Giornata Nazionale del Paesaggio con lo scopo di stimolare l’elaborazione di attività per la conoscenza, formazione, fruizione, promozione e riqualificazione del paesaggio. Leggi l’articolo

Officine Grandi Riparazioni di Torino. Da architettura industriale a distretto della creatività e dell’innovazione nel cuore della città

Le OGR-Officine Grandi Riparazioni rappresentano uno dei più importanti esempi di architettura industriale dell’Ottocento a Torino. Costruite tra il 1885 e il 1895, e adibite fino ai primi anni ‘90 alla manutenzione dei veicoli ferroviari, sono un insieme di grandiosi edifici a forma di H di oltre 20.000 metri quadrati di superficie e 16 metri di altezza al colmo del tetto. Nel 2013 la società consortile OGR-CRT (detenuta per oltre il 50% dalla Fondazione CRT) ha acquistato l’area da RFI Sistemi Urbani, per riqualificarla sotto la guida della Soprintendenza e in stretta collaborazione con il Comune di Torino. Già sede di tre mostre per i 150 anni dell’Unità d’Italia, nel 2013 le OGR hanno ospitato oltre 100 eventi di “test” e circa 120.000 visitatori in 5 mesi, con un’offerta eterogenea (attività espositive, concerti, arti visive, teatro, ecc.). Successivamente sono state chiuse al pubblico per l’avvio delle imponenti opere di riqualificazione.

Leggi l’articolo

A MADE Expo 2017 tecnologie e prodotti per il rinforzo strutturale del calcestruzzo e della muratura

ruregold_prima

Sono numerosi gli edifici e le strutture, trattati in precedenza con le soluzioni FRCM, che hanno resistito a terremoti di elevata intensità, come la Chiesa Santa Maria Centurelli di Caporciano (AQ), il viadotto in località Posta (RI), il ponte dell’abbazia di Fiastra a Tolentino (MC) e la cappella dell’oratorio in località Rolo (RE). Le tecnologie FRCM di Ruredil, che si basano sull’impiego di una rete in PBO (Ruregold®) o in carbonio (Ruredil X Mesh) abbinata a una matrice inorganica stabilizzata appositamente formulata per l’utilizzo su supporti in muratura e calcestruzzo, garantiscono efficacia antisismica provata, facilità e tempi ridotti di applicazione, proprietà elevate in termini di efficacia, durabilità e resistenza al fuoco (certificata in classe A2).Leggi l’articolo

Una nuova illuminazione per la cupola del Duomo di Piacenza

guercino_02

Piacenza quest’anno rende omaggio a Giovanni Francesco Barbieri soprannominato il Guercino, con un grande evento che, in un unico percorso tra sacro e profano, coinvolgerà il Duomo e il Palazzo Farnese della città. In occasione della mostra “Guercino a Piacenza” i visitatori avranno la possibilità, quasi unica e irripetibile, di ascendere all’interno della cupola del Duomo di Piacenza, per ammirare da vicino i sei scomparti affrescati e che da oggi splendono di luce nuova.Leggi l’articolo

Lombardia. Sanatoria su recupero locali seminterrati

recupero-seminterrati

Il Consiglio della Regione Lombardia ha approvato il progetto sul recupero dei seminterrati. Obiettivo del provvedimento, il cui relatore è il Consigliere Regionale Fabio Altitonante, è facilitare il recupero di spazi esistenti, al momento, non sono utilizzati con uso abitativo, commerciale o terziario. Tra i parametri stabiliti per permettere il recupero dei seminterrati vi è che abbiano una altezza non inferiore a 2,40 metri e che vi sia il pieno rispetto di tutte le prescrizioni igienico-sanitarie. Nel testo è previsto, inoltre, il divieto di recuperare i seminterrati per adibirli a finalità di culto, già inserito con un emendamento di FdI approvato in commissione. Leggi l’articolo

Ex-Garage Jaguar. Da spazio industriale a incubatore d’arte

garage-jaguar_01

Da spazio industriale a incubatore d’arte, grazie al recupero di Valorizzazioni Culturali, società che prende in gestione immobili storici e li fa tornare a nuova vita insediandovi eventi culturali. L’immobile, che si sviluppa su due piani di circa 900mq l’uno, per un totale di 1800 mq, è stato realizzato nel Dopoguerra dall’architetto Pietro Lingeri, esponente di spicco del Razionalismo Italiano. Da poco più di un anno in gestione esclusiva a Valorizzazioni Culturale, l’immobile ospita eventi culturali e sportivi.Leggi l’articolo

Il Colosseo si racconta per la prima volta in una grande mostra

mostra-colosseo_prima

Il Colosseo, il monumento più visitato al mondo, ma anche un luogo che ha subìto molte trasformazioni fino ad arrivare a essere quasi un’icona pop. La mostra promossa dalla Soprintendenza Speciale per il Colosseo e l’area archeologica centrale di Roma ne ripercorre la storia. Dall’8 marzo 2017 al 7 gennaio 2018, nell’ambulacro del secondo ordine i milioni di visitatori dell’anfiteatro Flavio potranno conoscere tutta la storia del monumento. La rassegna “Colosseo. Un’icona” va oltre la narrazione del tempo dei Cesari, per ripercorrere la lunga e intensa vita del sito nei secoli, fino ai giorni nostri.Leggi l’articolo

© recuperoeconservazione | DELETTERA WP | DeLettera Editore s.a.s di Ivan Fiorino De Lettera & C. | P.IVA. 10077710159

AD99 Digital Agency Milano