Browsing Tag

Firenze

L’Istituto degli Innocenti, prima struttura laica a operare per la tutela dei minori ha trasformato alcuni spazi in museo

museo-degli-innocenti_04

Il progetto del Museo degli Innocenti rappresenta la sintesi tra le istanze di uso contemporaneo degli spazi museali esistenti e la valorizzazione e rigenerazione di ambienti fino ad oggi non sfruttati a pieno. Il confronto progettuale con l’opera di Filippo Brunelleschi si è svolto escludendo posizioni ortodosse e fondamentaliste rivolte alla mera conservazione del bene, per adottare un approccio più riflessivo e interpretativo che vede nel bene monumentale una struttura della costante attività di progettazione e attuazione, che deve allo stesso tempo essere adeguata e salvaguardata. Leggi l’articolo

F-LIGHT 2016. Il festival delle luci che trasforma Ponte Vecchio a Firenze in una tela digitale

f-light_01

Per l’edizione 2016 di F-LIGHT  Firenze Light Festival accende di nuovo i monumenti e le piazze della città. L’evento, dislocato su oltre 15 location, propone video-mapping, proiezioni, giochi di luce, attività educative e incontri. In questa occasione e fino all’8 gennaio 2017, il Ponte Vecchio offrirà le sue superfici per mettere in scena un videomapping straordinario con le opere di artisti di fama internazionale da Taddeo Gaddi a Raffaello, da Caravaggio a Van Gogh, da Giacomo Balla a Emile Nolde, da Andy Warhol a Dan Flavin nella rappresentazione e significato della luce nella storia dell’arte, in pittura, nei metalli, nei gioielli, nelle vetrate.Leggi l’articolo

Il Nuovo Museo degli Innocenti

museo-degli-innocenti_prima

I temi e la prospettiva fondamento del progetto sono lo stretto legame tra la storia dell’edificio e la sua vita attuale, un percorso rivolto alle opere e alla storia della architettura che le ospita ed alla storia dell’istituzione che tra quelle mura svolge, da sempre, la stessa attività. Obiettivo principale del progetto di Ipostudio Architetti è quello di far scoprire l’enorme patrimonio culturale, artistico, monumentale e storico-archivistico che si racchiude all’interno delle mura dell’Istituto degli Innocenti, ma anche le attività e le iniziative che quotidianamente vi si svolgono. E’ essenziale premettere che l’Istituto degli Innocenti è un corpo vivo e vitale che opera all’interno di una struttura architettonica che rappresenta senza dubbio uno degli esempi più mirabili dell’architettura del Rinascimento.Leggi l’articolo

Le murate di Firenze. Da convento a caserma militare da istituto carcerario a edilizia residenziale

Il complesso quattrocentesco era il monastero intitolato alla Santissima Annunziata e a Santa Caterina, dove abitavano le monache di clausura dette “murate”. Poi, per circa cento anni, dal 1883 al 1985 è stato il carcere di Firenze. Negli anni 90, il progetto redatto dal Comune di Firenze con la supervisione di Renzo Piano, ha introdotto nell’area una stratificazione verticale di funzioni diverse: pubbliche, di uso pubblico, commerciali, artigianali, sociali al piano terreno, uffici e residenze, una cittadella con il più ampio mix di funzioni possibili.

Leggi l’articolo

Pulitura laser per Agnolo Gaddi. Basilica di Santa Croce a Firenze

03. Il sistema Thunder Art durante le operazioni di pulitura.

Il cantiere di restauro degli affreschi rappresentanti la Leggenda della Vera Croce, realizzati alla fine del XIV secolo sulle pareti della Cappella Maggiore della Basilica di Santa Croce a Firenze, opera della feconda bottega pittorica di Agnolo Gaddi, è nato grazie al concorso di molte forze economiche, tecnologiche e scientifiche. Il ciclo di affreschi si estende su una superficie di circa 1.000 metri quadrati e non aveva mai subito interventi moderni di restauro veri e propri. Si hanno notizie solo di una ricognizione eseguita dalla bottega del Benini nel 1946 e di un intervento della bottega Rosi-Tintori, dopo l’alluvione nel 1966, quando le acque dell’Arno raggiunsero il basamento delle pareti della Cappella. Molto chiare, invece, sono le tracce di interventi antichi, ottocenteschi, di cui peraltro non sussistono documentazioni o tracce storiche.

Leggi l’articolo

© recuperoeconservazione | DELETTERA WP | DeLettera Editore s.a.s di Ivan Fiorino De Lettera & C. | P.IVA. 10077710159

AD99 Digital Agency Milano