Browsing Tag

consolidamento

Diatoni artificiali ad espansione. Restauro e miglioramento sismico del Castello di Laurenzana

Il Castello Medioevale di Laurenzana (Pz)

Il castello medievale di Laurenzana si erge isolato sulla sommità di una rupe rocciosa al centro del piccolo abitato della Val Camastra in provincia di Potenza.
Il progetto e i lavori di messa in sicurezza dell’ingresso principale, primo passo verso la valorizzazione dell’intero complesso architettonico, hanno previsto una serie di interventi finalizzati al consolidamento e miglioramento sismico delle murature in elevazione. Rientra in questa prima fase di opere la realizzazione di diatoni artificiali ad espansione allo scopo di collegare i diversi paramenti costituenti le murature perimetrali, il cui spessore in alcuni punti si avvicina ai 2 metri, e ridurre la vulnerabilità delle pareti murarie.

Leggi l’articolo

Museo delle antichità egizie di Torino. Nuove catene attive per la galleria dei re.

Importanti strutture voltate costituiscono gli orizzontamenti su grandi luci, di circa 8-9 metri, a copertura del piano terreno e del piano primo delle maniche lato via Accademia delle Scienze e lato via Principe Amedeo (figura 1) del complesso architettonico denominato Palazzo del Collegio dei Nobili, sede del Museo delle Antichità Egizie di Torino (figura 2). Approfondimenti conoscitivi condotti sia a livello documentale che attraverso indagini sul manufatto hanno permesso di valutare la condizione degli elementi strutturali e di progettare i necessari interventi di consolidamento e rinforzo.

Leggi l’articolo

Castello di Parella. Consolidamento strutturale

Costituito da un complesso di edifici databile nel periodo compreso tra il XIII e XVII secolo, il Castello di Parella a Torino è attualmente oggetto di un intervento di consolidamento statico e miglioramento sismico. L’edificio, in un avanzato stato di degrado e parziale abbandono, presentava alcune carenze strutturali sia dal punto di vista statico sia sismico, anche in considerazione del progetto di valorizzazione che prevede un differente utilizzo delle sale con possibili affollamenti.
Leggi l’articolo

Rinforzo di elementi in c.a. Miglioramento sismico con fasciature di nodi ed aste

L’edificio scolastico nel comune di Neviano degli Arduini, zona collinare dell’Appenino Parmense (classificato come zona sismica 3 ai sensi dell’OPCM 3274/2003) è stato realizzato alla fine degli anni 70 e manifesta caratteristiche tipologiche strutturali tipiche di quegli anni. L’edificio è a pianta rettangolare con quattro piani fuori terra ed è caratterizzato da una articolazione di spazi sui vari livelli in altezza; nello specifico al piano terra servizi amministrativi e piano pilotis, al piano primo scuola materna, al piano secondo scuola elementare e al piano sottotetto (a doppia altezza) è prevista la palestra a servizio della scuola e di altri fruitori in orari non scolastici. L’Amministrazione Comunale, anche a seguito di un precedente evento sismico (magnitudo 5.2) del dicembre 2008 con epicentro nel comune, ha predisposto un’indagine finalizzata a conoscere lo stato delle strutture del proprio immobile scolastico.

Leggi l’articolo

Consolidamento e risanamento delle murature. Prodotti ecosostenibili

Il consolidamento e il risanamento delle murature necessita dell’azione di leganti specifici che possano associare al necessario contributo di resistenza meccanica, anche un’assoluta compatibilità con i sali e i depositi organici eventualmente presenti nella muratura stessa. L’ azienda milanese Ruredil propone alcune soluzioni applicabili nella deumidificazione di murature storiche e antiche, nel risanamento e consolidamento di volte e murature e nel rinforzo o adeguamento statico e sismico di maschi murari e volte.

Leggi l’articolo

Sicurezza nelle scuole. Intervento su 4 chilometri quadrati di soffitti

I lavori di messa in sicurezza dell’istituto commerciale Antonio Zanon, cominciati nei giorni scorsi, utilizzano reti in GFRP per risolvere una problematica diffusa, tipica degli istituti scolastici, quella dello sfondellamento dei solai. Il cantiere, per cui la Provincia di Udine ha stanziato 160 mila euro, si concentra su quattro chilometri quadrati di soffitto, dopo che parte dell’intonaco della palestra della scuola si è staccato a dicembre in un momento di chiusura dell’edificio.

Leggi l’articolo

Ancoraggi con calza. L’intervento a Sant’Agata del Carmine a Bergamo

Tra gli edifici religiosi più importanti della città antica, la Chiesa di Sant’Agata del Carmine si trova sulla via principale di Bergamo Alta. A navata unica, l’edificio presenta una serie di cappelle laterali; tra queste la più importante e imponente è la Cappella Juvarra. Conseguentemente ad alcuni lavori di scavo a confine con la Chiesa, eseguiti in passato, l’edificio ha iniziato a presentare cedimenti strutturali, con formazione di lesioni lungo il lato sinistro della navata.
Leggi l’articolo

Rinforzo strutturale. Intervento di miglioramento sismico per un edificio scolastico

L’edificio scolastico “Scuola Media Aldo Moro” di Piazza Unità d’Italia di Cernusco sul Naviglio è stato realizzato alla fine degli anni ‘60 e manifesta caratteristiche tipologiche strutturali tipiche di quegli anni. L’edificio è nel suo complesso realizzato mediante la composizione in pianta di tre differenti corpi di fabbrica, strutturalmente separati tra di loro mediante opportuni giunti.
Leggi l’articolo

Carta da parati antisismica. Un prodotto innovativo che coniuga sicurezza ed estetica.

Nato dalla collaborazione tra Mapei e Inkiostro Bianco, azienda di Sassuolo che produce carta da parati, EQ Dekor è un rivestimento che minimizza il rischio di distaccamento di componenti delle pareti in caso di sisma, prolungando così il tempo di evacuazione degli edifici. Alla base di EQ Dekor c’è Mapewrap EQ System, sistema brevettato Mapei che si rivela estremamente efficiente in caso di sisma. Un rivestimento di tessuto bidirezionale in fibra di vetro (Mapewrap EQ Net) viene applicato con un adesivo monocomponente all’acqua ad alta tenuta (Mapewrap EQ Adhesive).
Leggi l’articolo

Uffizi, la Sala della Niobe. Lavori di consolidamento della struttura di sostegno del pavimento.

Le prime avvisaglie di un dissesto nella pavimentazione della Sala della Niobe risalgono all’anno 2011 quando vennero notati alcuni avvallamenti e cedimenti localizzati principalmente in corrispondenza dei basamenti delle statue. Vennero eseguite indagini non distruttive, estese a tutta la sala: i risultati confermarono il buono stato di conservazione delle volte principali, portanti, mentre le voltine secondarie manifestarono un diffuso stato di sofferenza, possibile causa, insieme alla presenza di un riempimento in materiali di risulta incoerente ed eterogeneo, dei fenomeni di cedimento differenziale in atto. Sulla base del quadro conoscitivo risultante dalle indagini preliminari, è stato realizzato il progetto definitivo ma la definizione esecutiva dello stesso, affidata all’impresa appaltatrice ed alla consulenza del Prof. Ing. Sergio Lagomarsino, è stata effettuata a «cantiere aperto».

Leggi l’articolo

© recuperoeconservazione | DELETTERA WP | DeLettera Editore s.a.s di Ivan Fiorino De Lettera & C. | P.IVA. 10077710159

AD99 Digital Agency Milano