Browsing Tag

consolidamento

Completato il restauro dell’Edicola del Santo Sepolcro a Gerusalemme

edicola-santo-sepolcro-gerusalemme_prima

Dopo circa un anno di interventi di restauro è possibile visitare l’edicola che custodisce la Tomba di Cristo all’interno del santo Sepolcro nella città vecchia di Gerusalemme. Il restauro è stato portato a termine da un team tecnico dell’Università di Atene che ha lavorato sulle pietre dell’edicola. E’ in corso una nuova ricerca di fondi per dare il via ad una seconda fase di restauro. Leggi l’articolo

Linee Guida Scuole Sicure. Messa in sicurezza di strutture in muratura e cls armato mediante materiali compositi

rinforzo-materiali-compositi

G&P Intech si è presentata al SAIE di Bologna 2016 con il Progetto Scuole Sicure, una proposta di messa in sicurezza, statica ma soprattutto sismica, degli edifici scolastici in muratura e in calcestruzzo armato. Consapevoli che il territorio italiano è un territorio ad elevata sismicità, sono state messe a punto sulla base dell’ esperienza nel settore una serie di interventi locali di consolidamento strutturale, attraverso l’utilizzo di materiali compositi certificati e facendo riferimento all’apparato normativo attualmente in vigore. Leggi l’articolo

Sfondellamento in un edificio scolastico. La scuola elementare Gianni Rodari di Arcisate

La piccola scuola elementare Gianni Rodari è situata in località Motta ad Arcisate, in provincia di Varese; immersa nel verde, è costituita da 5 aule ed è attrezzata di palestra, spazio-mensa, aula di sostegno e, all’esterno, un vasto giardino. Nei mesi primaverili 2015, durante un periodo di regolare svolgimento delle lezioni, si è reso necessario un intervento di urgenza per la messa in sicurezza di alcuni solai in laterocemento interessate dal tipico fenomeno di sfondellamento.

Leggi l’articolo

Il restauro della facciata in bugnato di Palazzo Tupputi a Bisceglie

Costruito nel 1500 dalla famiglia Frisari, il palazzo venne ceduto nella prima metà del ‘700 ai marchesi Tupputi, che lo rimaneggiarono e abbellirono. Rivestito in splendido bugnato a punta di diamante, rievoca il famoso bugnato presente sulla facciata del Palazzo dei Diamanti a Ferrara. Proprio nel salone del palazzo, il 5 luglio 1820, tutti i delegati della Carboneria pugliese si riunirono, per dar luogo alla storica “Dieta delle Puglie”, e qui fissarono, in dieci articoli, la Costituzione, anticipando di un giorno la decisione dello stesso Sovrano del Regno di Napoli.

Leggi l’articolo

Il restauro di Villa Ada. Il bunker dei Savoia.

Villa Ada Savoia, è oggi un grande parco di 160 ettari, in parte agibile e in parte diventato ormai un bosco selvaggio nella cui parte più fitta si nasconde l’accesso al bunker costruito per la famiglia reale nella seconda metà degli anni Trenta. Originariamente agli ambienti sotterranei vi si accedeva o “da un tombino all’interno della villa o da una botola ai piedi della grande palma di fronte alla facciata posteriore”, come raccontò la camerista della Regina Elena.

Leggi l’articolo

Beni culturali: tutela e valorizzazione

Interventi di rinforzo solaio in legno (Abbadia di Fiastra, MC)

Gli edifici esistenti con valenza storico-monumentale costituiscono uno straordinario patrimonio per l’Italia e necessitano di essere salvaguardati come documenti delle radici culturali del paese e valorizzati affinché possano essere inseriti in un circuito economico di crescita. Il deterioramento dei materiali e la concezione statica legata alle sole azioni gravitazionali rendono le costruzioni storiche estremamente vulnerabili nei confronti dell’azione sismica e richiedono interventi in grado di preservarne l’integrità. Affinché non si abbia la perdita del valore culturale del bene architettonico, e perché questo possa essere consegnato ai posteri, gli interventi devono essere concepiti ed eseguiti nella logica del restauro.

 

Leggi l’articolo

Costruzioni sicure in zona sismica: adeguamento strutturale e innovazione.

Biblioteca di Nembro (BG) - Costruttore Metallico: MAP spa - ph. Pietro Savorelli / Archea Associati

ph. Pietro Savorelli / Archea Associati

Fondazione Promozione Acciaio dedica un numero di Aa_Architetture in acciaio al tema “Costruzioni sicure in zona sismica” e propone una serie di approfondimenti a cura del Prof. Andrea Dall’Asta (Università di Camerino – Commissione Sismica per le Costruzioni in acciaio di Fondazione Promozione Acciaio) e il Prof. Alessandro Zona (Università di Camerino). Proponiamo di seguito una premessa al numero monografico, a firma di Simona Martelli, Direttore generale di FPA, e un estratto del numero dedicato all’adeguamento sismico nel recupero di costruzioni esistenti. Altri approfondimenti nelle prossime settimane.

40 MLN per adeguamento antisismico di edifici scolastici.

Il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Stefania Giannini, ha firmato il DM 943 dell’11 febbraio 2016 per la ripartizione delle risorse per l’adeguamento antisismico delle scuole, 40 milioni di euro previsti dalla legge Buona Scuola (legge 107 del 2015), destinati a rendere più sicuri gli edifici scolastici che sorgono nelle zone particolarmente esposte a rischio sismico.

Leggi l’articolo

Villa Plinana a Torno. Consolidamenti e impermeabilizzazioni alla storica villa sul Lago di Como.

Immagine tratta dal libro “La Pliniana di Torno. Storia di una villa e di un mito sul lago di Como” di Fabio Cani, Alessandro Dominioni Editore, 2010

Il complesso monumentale di Villa Plinana a Torno è una tra le più antiche e suggestive del Lago di Como e per la sua posizione, isolata a ridosso della montagna e raggiungibile solo via acqua, ha alimentato negli anni leggende che le hanno dato un alone di mistero e di grande fascino. La villa è sottoposta a più vincoli, tra i quali quelli monumentale, idrogeologico e paesaggistico, e tutti gli interventi sono stati condotti in sintonia con la Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici di Milano. Per l’impronta stilistica e architettonica, il progetto della villa è stato attribuito a Pellegrino Tibaldi o Galeazzo Alessi e datato 1573, ma anni fa, grazie alla scoperta di alcuni documenti, si è invece ipotizzato che l’architetto fosse Giovanni Antonio Piotti da Vacallo.

© recuperoeconservazione | DELETTERA WP | DeLettera Editore s.a.s di Ivan Fiorino De Lettera & C. | P.IVA. 10077710159

AD99 Digital Agency Milano