Browsing Category

RUREDIL

Sistema PBO-FRCM. Una soluzione efficace per gli interventi di rinforzo sulle opere infrastrutturali

PBO-FRCM-_prima-

Il rinforzo di strutture in cemento armato rappresenta oggi più che mai, alla luce dei recenti crolli avvenuti in Italia, una sfida ricorrente nelle infrastrutture di trasporto quali ponti e viadotti, soggetti a carichi ripetuti dovuti al traffico veicolare. Le imprese si trovano così davanti alla difficile scelta di una soluzione che garantisca la massima sicurezza in ogni condizione e che sia duratura nel tempo. Semplificando il processo decisionale, i tecnici hanno a disposizione due tipologie di intervento: quella tradizionale con FRP basati su matrici organiche e le nuove soluzioni basate su matrici inorganiche (FRCM).Leggi l’articolo

A MADE Expo 2017 tecnologie e prodotti per il rinforzo strutturale del calcestruzzo e della muratura

ruregold_prima

Sono numerosi gli edifici e le strutture, trattati in precedenza con le soluzioni FRCM, che hanno resistito a terremoti di elevata intensità, come la Chiesa Santa Maria Centurelli di Caporciano (AQ), il viadotto in località Posta (RI), il ponte dell’abbazia di Fiastra a Tolentino (MC) e la cappella dell’oratorio in località Rolo (RE). Le tecnologie FRCM di Ruredil, che si basano sull’impiego di una rete in PBO (Ruregold®) o in carbonio (Ruredil X Mesh) abbinata a una matrice inorganica stabilizzata appositamente formulata per l’utilizzo su supporti in muratura e calcestruzzo, garantiscono efficacia antisismica provata, facilità e tempi ridotti di applicazione, proprietà elevate in termini di efficacia, durabilità e resistenza al fuoco (certificata in classe A2).Leggi l’articolo

Riqualificazione della piazza su cui si affaccia la sede storica del Politecnico di Milano

ruredilpolitecnico_01

Il progetto di riqualificazione di Piazza Leonardo da Vinci, promosso dal Comune e dal Politecnico di Milano ha trasformato l’intera area da semplice parcheggio a giardino aperto per tutta la città. Gli interventi, che hanno coinvolto l’intera superficie di 5.000 mq della piazza, hanno richiesto la rimozione completa della precedente superficie in asfalto che la ricopriva e, con essa, anche dei sottofondi. Ruredil, ha partecipato al recupero della piazza su cui si affaccia il complesso di edifici progettati da Gaetano Moretti e Augusto Brusconi nel 1927 e la cui nuova pavimentazione è stata realizzata in calcestruzzo architettonico dall’aspetto uniforme e naturale.Leggi l’articolo

Rinforzo strutturale. Miglioramento sismico del solaio di copertura di una cripta.

La Chiesa di San Marcellino a Parma risale al XV secolo e, ormai dismessa dal 1928, attualmente è adibita a spazio espositivo per mostre e installazioni temporanee. Nell’ambito della rassegna relativa all’artista Claudio Parmigiani che ha scelto l’edificio di culto per l’opera dal titolo “Naufragio con spettatore”, è stato necessario rinforzare il solaio di copertura della cripta che avrebbe dovuto sopportare un carico relativo ad una barca a vela di 14 metri e il relativo supporto.

Leggi l’articolo

Rinforzo strutturale e adeguamento sismico. Opera Pia a Pizzighettone

>L’Opera Pia “Luigi Mazza” venne fondata nel 1878 come ospedale dedicato al dottor Luigi Mazza e durante la seconda guerra mondiale fu colpita da diversi aerei nemici a causa della sua vicinanza ad obiettivi militari, quindi successivamente venne restaurato ed ampliato. Nel 1989 si trasformò in Opera Pia “Luigi Mazza” con lo scopo di ospitare, in regime di ricovero, anziani in condizioni di non autosufficienza. In seguito ad una serie di indagini di vulnerabilità sismica, richieste dal consiglio di amministrazione, si è resa evidente la necessità di un intervento di rinforzo strutturale dei solai, sia di quelli negli ambienti ad uso cucina sia di quelli dei portici, in modo da adeguare staticamente e sismicamente le struttura. Inoltre, visto lo stato pericolante delle pignatte e dei tavelloni, si è scelto di realizzare un sistema “anti-sfondellamento” di protezione dalla caduta delle pignatte.
Leggi l’articolo

Miglioramento sismico. Fiber Reinforced Cementitious Matrix

In seguito al sisma del maggio 2012 la Chiesetta Oratorio del sacro Cuore a Moglia (MN), pertinente al plesso RSA casa di riposo Fondazione “P. Sissa”, ha subito diversi danni. Il progettista che si è occupato del miglioramento sismico dell’edificio, a seguito di analisi svolte tramite un software ad elementi finiti, ha riscontrato un meccanismo di rotazione della torre campanaria, in corrispondenza del distacco tra la muratura del corpo principale e la parte libera della torre, un principio di ribaltamento fuori dal piano della facciata principale e un quadro fessurativo diffuso a partire dagli spigoli delle aperture e diffuso in senso obliquo.

Leggi l’articolo

Cordolatura FRCM. Palazzo Melenchini a Parma

L’edificio, situato nel centro storico di Parma, risale ad un periodo compreso tra il 1600 ed il 1700, è un palazzo gentilizio con cortile interno e, al piano nobile, si caratterizza per la presenza del salone da ballo affrescato alla maniera del Bibbiena. Gli interventi previsti, soprattutto sulle volte affrescate, sono concentrati all’estradosso e hanno sia funzione di miglioramento sismico sia di consolidamento statico; in particolare si sono migliorati gli ammorsamenti con i muri d’ambito perimetrali anche attraverso l’uso di connessioni, intervento che deve garantire la traspirabilità per non creare problemi all’importante apparato pittorico.
Leggi l’articolo

Rinforzo strutturale. Ponte di Piazza Ghiaia a Parma

L’intervento si colloca all’interno della riqualificazione urbana dell’area di piazza Ghiaia, nel centro storico di Parma, area dedicata al mercato dai primi anni del 1800. Il sito è adiacente al letto del torrente Parma, e gli interventi in oggetto si sono resi necessari a causa del degrado importante delle strutture in c.a. (la copertura in c.a. è il piano viario di un ponte carrabile) anche legato all’ambiente particolarmente aggressivo (attacco di Sali disgelanti dalla copertura non impermeabilizzata) e dalla forte presenza di umidità legata alla presenza delle acque superficiali e di risalita.
Leggi l’articolo

Castello di Parella. Consolidamento strutturale

Costituito da un complesso di edifici databile nel periodo compreso tra il XIII e XVII secolo, il Castello di Parella a Torino è attualmente oggetto di un intervento di consolidamento statico e miglioramento sismico. L’edificio, in un avanzato stato di degrado e parziale abbandono, presentava alcune carenze strutturali sia dal punto di vista statico sia sismico, anche in considerazione del progetto di valorizzazione che prevede un differente utilizzo delle sale con possibili affollamenti.
Leggi l’articolo

© recuperoeconservazione | DELETTERA WP | DeLettera Editore s.a.s di Ivan Fiorino De Lettera & C. | P.IVA. 10077710159

AD99 Digital Agency Milano