Archives

Gli orti metropolitani come strumento di ricucitura del tessuto ecologico, urbano e sociale

agricoltura-urbana

La relazione città-cibo costituisce un asse d’intervento innovativo per orientare l’agenda politica nazionale verso modelli più resilienti. Questo implica il riconoscimento degli agroecosistemi e della produzione agricola non come attività antitetiche rispetto a quelle urbane, ma come fenomeni capaci di svolgere un ruolo chiave nello sviluppo dei sistemi metropolitani (Marino, Cavallo, 2014). In tal senso l’ossimoro “agricoltura urbana” è rappresentativo di una possibilità nuova per gli spazi dimenticati, come riattivazione interna di meccanismi virtuosi di rigenerazione urbana, indirizzati alla ricostruzione dell’identità perduta. In questo contesto gli orti urbani rappresentano sperimentazioni spaziali, a metà tra il pubblico e il privato, utili alla riconnessione ecologica, urbana e sociale dei sistemi territoriali.

Leggi l’articolo

Archives

Concorso di architettura per la cartiera di Marzabotto

Young Architects Competitions, società promotrice di concorsi di progettazione ed architettura, rivolti a giovani progettisti, neolaureati o ancora studenti, ha fondato la “Green Academy” un concorso di Unindustria per trasformare un’architettura industriale in eccellenza della formazione, ispirata ai principi della green economy e dello sviluppo sostenibile. Per l’edizione 2016 del concorso, Green Academy propone la progettazione di un polo didattico per DISMECO srl nell’area della ex cartiera di Marzabotto, un’area di 5000 mq riconducibili alla scuola di Pierluigi Nervi attualmente in stato di abbandono.

Leggi l’articolo

Archives

Sei mesi di installazioni ed eventi sul Colle Palatino

Stadio-Palatino_foto-Luigi-Spina-730x490

ph. Luigi Spina
Dal 24 giugno al 18 settembre con la mostra “Par tibi, Roma, nihil” l’arte contemporanea e l’archeologia si intrecciano negli spazi monumentali del Colle Palatino a Roma.
Il ciclo di eventi, promossi dalla Soprintendenza Speciale per il Colosseo e l’area centrale archeologica di Roma, Fondazione Romaeuropa, Nomas Foundation ed Electa, propone “un vero e proprio modello di fruizione e di valorizzazione“ come il Soprintendente Francesco Prosperetti, “a cui ispirare la gestione del patrimonio, in questi anni, da parte della Soprintendenza“.
“Par tibi, Roma, nihil” vuole risvegliare luoghi straordinari di Roma, nemmeno troppo conosciuti o frequentati, usando l’arte, il teatro e la musica come chiavi di rilettura, momenti di seduzione, occasioni di pensiero nuovo intorno al passato e alle sue vestigia, quali: le Arcate Severiane, il Colosseo, la Crypta Balbi, la Domus augustana, Palazzo Altemps, lo Stadio di Domiziano, le Terme di Diocleziano (aula ottagona e aula x), la Terrazza della Domus Severiana, Villa Borghese, Villa Farnesina, Villa Medici.

Leggi l’articolo

Archives

Recupero e rifunzionalizzazione dell’ex cinema Minerva a Catania

Nell’ampio dibattito che caratterizza l’attuale fase post-industriale e che interessa anche i processi di rigenerazione e sviluppo sostenibile delle città, un ruolo specifico spetta al tema del recupero e riuso degli edifici urbani non più in uso. Negli ultimi anni, infatti, è stato di frequente affrontato il problema dei grandi contenitori edilizi dismessi, spesso presenti anche nei centri storici delle città e non sempre di particolare valore architettonico, che possono essere recuperati e riconvertiti per nuove destinazioni d’uso. Gli interventi su tali edifici devono mirare soprattutto alla loro rifunzionalizzazione e valorizzazione mediante l’adozione di soluzioni costruttive e tecnologiche che, in relazione alla nuova destinazione d’uso, garantiscano adeguati livelli di sicurezza statica e di comfort ambientale e nello stesso tempo consentano significativi risparmi energetici.

Leggi l’articolo

Archives

XIV edizione del concorso il “Parco più bello”

parco_prima

Anche quest’anno, per la XIV edizione del Concorso, il Comitato Scientifico del network “Il Parco più bello” ha svelato i nomi dei dieci parchi e giardini italiani più belli, per un inedito e spettacolare itinerario turistico e culturale: un inestimabile patrimonio pubblico e privato costituito da splendidi giardini, parchi, orti botanici, distese verdi progettate e impreziosite da veri e propri tappeti di fioriture, sculture vegetali, labirinti di siepi e filari alberati di ogni specie.

Leggi l’articolo

Archives

Ville Venete. L’analisi multicriteri nel processo decisionale per la stima

villa-pojana

L’articolo analizza il comportamento dei valutatori di immobili storici, in modo particolare di Ville Venete, per comprendere quali caratteristiche dovrebbero essere considerate in fase di stima e come queste incidono nella formazione del valore del bene.
A tale scopo si utilizza un metodo di analisi multi-criterio, nello specifico si adotta un approccio gerarchico, Analytic Hierarchy Process (AHP), procedura fondata sull’ipotesi che il valore unitario di stima possa essere espresso in funzione delle singole caratteristiche che connotano il bene oggetto di studio, suddivise in criteri e sotto-criteri, come verrà meglio descritto in seguito.

Leggi l’articolo

Archives

Educazione sismica. Progetto Reduce arriva nelle scuole

progetto-reduce

Il progetto REDUCE, coordinato dalla rete RESISM, Rete per l’Educazione Sismica, attualmente composta da 7 Istituti Scolastici dell’Emilia-Romagna e 3 Istituti della Toscana, mira alla diffusione della cultura del rischio sismico attraverso la conoscenza del territorio, del patrimonio culturale e storico nelle scuole. Destinatari primari sono i ragazzi e le ragazze dell’ultimo biennio delle scuole secondarie tecniche ma anche tutti gli altri studenti ivi compresi gli universitari e la cittadinanza in generale. Il percorso di conoscenza e condivisione si sviluppa su due temi principali: conoscenza e patrimonio. Conoscenza come strumento per interpretare la realtà, come opportunità di fare scelte, di assumere comportamenti responsabili e come libertà dalla paura. Una conoscenza che non si alimenta solo dei saperi delle discipline ma che si costruisce, insieme e attraverso il percorso, come quella storia, locale e fatta dalla somma di molte microstorie, che inizia con un evento irreversibile e irripetibile qual è un forte terremoto. Il concetto di patrimonio è inteso in un’accezione ampia che comprende il patrimonio edilizio e quello storico-culturale che include anche il patrimonio ambientale.

Leggi l’articolo

Archives

Indagine fotografica sulle trasformazioni storiche della laguna di Venezia


Il paesaggio contemporaneo è un deposito di segni complessi e rapporti contraddittori non immediatamente comprensibili. Il progetto LACUNA / AE intende indagare attraverso una raccolta fotografica le relazioni tra l’uomo, i luoghi che abita, il paesaggio e le trasformazioni storiche. Il progetto ideato e curato da Eleonora Milner insieme a Elena Caslini, Ester Greco e Tommaso Lodi, consiste in una campagna fotografica che prende in esame le aree di urbanizzazione moderna, appena fuori il centro storico di Venezia, all’interno della laguna veneziana. Alcuni di questi siti sono state costruite ex novo sulle aree palustri della laguna, altri sono stati edificati su vecchi ed enormi complessi industriali.

Leggi l’articolo

Archives

Modelli 3D di edifici storici attraverso lo smartphone


Il progetto scientifico europeo REPLICATE, coordinato dalla Fondazione Bruno Kessler di Trento, è stato lanciato all’inizio del 2016 e si concluderà nel 2018 con un finanziamento di 3,2 milioni di euro dalla Commissione europea. L’obiettivo del progetto è creare sistemi che, integrati in dispositivi mobili, consentano la modellazione accurata e affidabili di interfacce tridimensionali. Uno dei possibili scenari che si apre con REPLICATE è quello in cui scattando una fotografia tramite smartphone è possibile ottenere non solo un quadro ‘flat’ in due dimensioni ma anche un modello 3D immersivo degli edifici catturati di cui smontare, modificare e riassemblare le componenti come pezzi virtuali di un gioco di costruzioni.

Leggi l’articolo

Archives

Strategie di recupero del patrimonio rurale emiliano post sisma. Il recupero di Villa Prospera.


Il recupero di Villa Prospera è materia per chi, di patrimonio rurale, nasconda un malcelato e istintivo interesse. Spesso considerata come secondaria quando non addirittura sottovalutata dagli stessi committenti, l’accezione di rurale ha da sempre portato avanti nel suo piccolo, una tradizione costruttiva di rilievo, affinata nei secoli seppur fondata su necessità primarie, segnate da fattori di utilità immediata e diretta quale la gestione dei fondi agrari della Pianura Padana.

Leggi l’articolo

© recuperoeconservazione | DELETTERA WP | DeLettera Editore s.a.s di Ivan Fiorino De Lettera & C. | P.IVA. 10077710159

AD99 Digital Agency Milano