cover_crespi

Zone a Traffico Culturale. Il progetto formativo nella Valle d’Adda

Zone a Traffico Culturale. Il progetto formativo nella Valle d’Adda

crespi_prima

Nasce ZTC – Zone a Traffico Culturale, un progetto formativo e educativo che ha come matrice l’Adda e i paesi che sorgono lungo le sue sponde. Nato per (re)interpretare artisticamente i luoghi del patrimonio industriale nella valle dell’Adda quali Trezzo sull’Adda, Crespi d’Adda (patrimonio dell’UNESCO), Vaprio d’Adda e Cassano d’Adda, trasformando questi luoghi in cantieri di produzione culturale condivisa e partecipata.

Le Zone a Traffico Culturale [ZTC] sono cantieri che, occupando siti o monumenti del patrimonio culturale, attivano dinamiche locali e stimolano la produzione culturale condivisa e collaborativa coinvolgendo gruppi di cittadini nella realizzazione di eventi/opere proposti alla comunità e al territorio. 

Le ZTC rappresentano l’innesco di un processo che può portare alla costruzione di Fabbriche Culturali di Prossimità, promuovendo il protagonismo della comunità locale. Sono luoghi di valore culturale che hanno subito una perdita di senso, generalmente legata alla trasformazione della funzione per cui erano nati: sono tipicamente i siti del patrimonio industriale, come il villaggio operaio di Crespi d’Adda, Patrimonio dell’Umanità Unesco; ma sono anche beni culturali minori come ville, castelli, luoghi di fede, di pregio culturale e artistico ma esclusi dalle principali rotte turistiche o dai grandi eventi cultuali – generalmente concentrati in aree urbane o metropolitane.

Lo scopo di una ZTC è quello di creare un nucleo di artigiani locali della cultura che si impegnino nella creazione e organizzazione di un evento culturale specificatamente ideato per restituire senso al luogo che lo ospita, riscoprendone il genius loci; una temporary factory, una piccola comunità artistica che si impegni nella realizzazione di un prodotto culturale condiviso e creato con un percorso partecipativo.

Le culture dell’Adda intrattengono un millennario colloquio col fiume. Una decisiva ragnatela d’acqua sostiene l’economia di questa valle. Sulla riva l’Adda convoca antiche cartiere, mulini, falegnamerie, tessiture che da fine Ottocento le centrali idroelettriche accelerano in attività industriali: gli impianti Edison di Cornate d’Adda, quello Enel di Trezzo sull’Adda, il villaggio operaio di Crespi d’Adda, la cartiera ex-Binda e la Velluti Visconti di Modrone a Vaprio d’Adda, il Linificio Canapificio Nazionale di Fara d’Adda e Cassano d’Adda.

Il progetto ZTC – Zone a Traffico Culturale con matrice l’Adda e i paesi che sorgono sulle sue sponde, è nato per reinterpretare artisticamente i luoghi del patrimonio industriale nella valle dell’Adda. Ogni ZTC viene scomposta in 3 Masterclass guidate ciascuna da un artista/professionista. I lavori prodotti confluiranno quindi in un spettacolo aperto al pubblico. Il primo, per la sessione estiva, è previsto il 18 giugno.

I corsi del progetto daranno la possibilità a circa 200 giovani artisti di seguire, gratuitamente, un percorso formativo che porterà alla realizzazione di produzioni artistiche originali. In più 40 giovani andranno a costituire la “Redazione reporters” e si occuperanno di documentare e produrre contenuti audiovisivi da condividere quotidianamente sui social network. Attraverso un bando di candidatura gratuito rivolto a giovani di ogni età (per approfondimenti sul bando visitare il sito www.zoneatrafficoculturale.it) vengono costituiti dei veri gruppi di lavoro operativi. I laboratori organizzati per la sessione estiva oltre a quello dedicato alla fotografia (a maggio) saranno quello di teatro/archeologia industriale e quello di musica, dal 10 al 17 di giugno, full day.

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply

cover_icompiuto-siciliano-alterazioni-video

Incompiuto Siciliano. La nascita di uno stile

cover_vittorio-sgarbi

Un patto tra Stato e costruttori per recuperare il patrimonio degli edifici storici

© recuperoeconservazione | DELETTERA WP | DeLettera Editore s.a.s di Ivan Fiorino De Lettera & C. | P.IVA. 10077710159

AD99 Digital Agency Milano