cover_sismografo

Educazione sismica. Progetto Reduce arriva nelle scuole

Educazione sismica. Progetto Reduce arriva nelle scuole

progetto-reduce

Il progetto REDUCE, coordinato dalla rete RESISM, Rete per l’Educazione Sismica, attualmente composta da 7 Istituti Scolastici dell’Emilia-Romagna e 3 Istituti della Toscana, mira alla diffusione della cultura del rischio sismico attraverso la conoscenza del territorio, del patrimonio culturale e storico nelle scuole. Destinatari primari sono i ragazzi e le ragazze dell’ultimo biennio delle scuole secondarie tecniche ma anche tutti gli altri studenti ivi compresi gli universitari e la cittadinanza in generale. Il percorso di conoscenza e condivisione si sviluppa su due temi principali: conoscenza e patrimonio. Conoscenza come strumento per interpretare la realtà, come opportunità di fare scelte, di assumere comportamenti responsabili e come libertà dalla paura. Una conoscenza che non si alimenta solo dei saperi delle discipline ma che si costruisce, insieme e attraverso il percorso, come quella storia, locale e fatta dalla somma di molte microstorie, che inizia con un evento irreversibile e irripetibile qual è un forte terremoto. Il concetto di patrimonio è inteso in un’accezione ampia che comprende il patrimonio edilizio e quello storico-culturale che include anche il patrimonio ambientale.


Lo scopo è anche quello di identificare, grazie al contributo dei ragazzi e delle ragazze degli Istituti che hanno aderito al Percorso, strumenti, comportamenti, procedure e buone pratiche per una riduzione del rischio sismico, che possano essere diffusi e trasmessi alle altre scuole e alla cittadinanza.

Il progetto REDUCE include:
– attività programmate dalla rete RESISM (installazioni della mostra-laboratorio sul rischio sismico ‘Io non tremo!” )
– iniziative organizzate dal CEAS “La Raganella” sul territorio colpito dai terremoti del 20 e 29 maggio 2012
– collaborazione del Servizio Geologico SGSS della Regione Emilia-Romagna per la comunicazione e il coinvolgimento di ragazze e ragazzi sui temi attinenti i territori e la memoria.
Nell’ambito di questo progetto è già stato pianificato il programma di un seminario da svolgersi nel modenese, probabilmente a Mirandola, all’apertura del prossimo anno scolastico sui seguenti temi:
– descrizione dei terremoti
– costruzioni: il nuovo, l’esistente, la gestione dell’emergenza
– terreno: ovvero dove costruire e dove costruiamo
– cosa si può conoscere, cosa non si può conoscere; il pensiero scientifico per la formazione di una cittadinanza consapevole
la legalità.

ilgiornaledellaprotezionecivile.it

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply

cover_replicate

Modelli 3D di edifici storici attraverso lo smartphone

cover_villevenete

Ville Venete. L’analisi multicriteri nel processo decisionale per la stima

© recuperoeconservazione | DELETTERA WP | DeLettera Editore s.a.s di Ivan Fiorino De Lettera & C. | P.IVA. 10077710159

AD99 Digital Agency Milano