Legge sulla difesa del suolo in Lombardia

Legge sulla difesa del suolo in Lombardia

“Tolleranza zero. In Lombardia nessuno potrà più costruire edifici in terreni prossimi ai corsi d’acqua. È questo uno dei principi più importanti contenuti nella nostra nuova legge, che conferma la grandissima attenzione della Giunta Maroni sul tema del rischio idrogeologico”. Lo dichiara l’assessore al Territorio, Urbanistica e Difesa del Suolo della Regione Lombardia Viviana Beccalossi, commentando l’approvazione da parte del Consiglio regionale della Legge sulla Difesa del suolo.

Uno dei punti principali della nuova Legge introduce il concetto di invarianza idraulica: nella realizzazione di nuove case, industrie, parcheggi o strade, ma anche, ove possibile, negli interventi di riqualificazione, non si deve peggiorare il deflusso verso i fiumi delle acque rispetto alle condizioni di partenza dell’area prima della trasformazione. Il tutto, introducendo progressivamente la realizzazione di vasche volano, pozzi filtranti, tetti verdi, superfici che aiutino l’assorbimento dell’acqua nel terreno. La legge prevede uno stanziamento di circa 15 milioni di euro per la manutenzione dei corsi d’acqua nel prossimo triennio e di circa 11 milioni di euro per il sistema dei Navigli e delle idrovie collegate. E si interviene regolando la governance sulla materia, valorizzando le funzioni di difesa del suolo attribuite agli enti del sistema regionale, in particolare quelle relative ai Consorzi di bonifica e all’Agenzia Interregionale per il fiume Po, alla quale viene affidata la gestione del sistema idroviario del fiume Po e delle idrovie collegate.

“Questo provvedimento assieme alla Legge sul Consumo di suolo, rappresenta una scelta responsabile e innovativa per tutelare i cittadini e le attività economiche con iniziative capaci di mettere in sicurezza il territorio o quantomeno di intervenire sull’attenuazione del livello di rischio. La Legge rafforza il nostro impegno, in tema di rischio idrogeologico, come dimostrano gli oltre 100 milioni di euro spesi dal bilancio regionale dal momento dell’insediamento di questa Giunta per opere di manutenzione e difesa da frane e alluvioni”, afferma Viviana Beccalossi.

territorio.regione.lombardia.it

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply

Costruzioni sicure in zona sismica: adeguamento strutturale e innovazione.

Piano riqualificazione centro storico del comune di Catania

© recuperoeconservazione | DELETTERA WP | DeLettera Editore s.a.s di Ivan Fiorino De Lettera & C. | P.IVA. 10077710159

AD99 Digital Agency Milano